Un omicidio del 1870

di Luigi Murolo

 

Il documento che qui pubblico è relativo a un omicidio compiuto il 5 settembre 1870 in località Colle Pizzuto di Vasto. È l’atto del funerale religioso del quarantacinquenne Domenico La Palombara (essendo nato il 30 gennaio 1826) «a Latronibus occisus» (ucciso dai ladroni) nel periodo conclusivo del Brigantaggio. Anche se avvenuto pochi giorni prima della presa di Porta Pia, l’assassinio non presenta alcun risvolto politico data l’assoluta estraneità del personaggio dagli scontri politici dell’epoca (ad esempio, non è partecipe della Guardia Nazionale). Si tratta evidentemente di un delitto a scopo di rapina.
Il testo presenta grande interesse. Mostra la sepoltura civile della vittima per il fatto che la stessa, al momento della morte, non era stata munita dei sacramenti religiosi. Testimoni sono i becchini Giacomo Leone (padre di Elia, l’autore della Veduta di Vasto del 1860) e Giuseppe Di Renzo.
Ancora in quegli anni, la “morte selvaggia” – quella che avviene fuori di casa – viene considerata nefasta. Il documento, registrato per ragioni d’ufficio, è firmato dall’arciprete Giuseppe Spataro.
Spero di fare cosa gradita all’amico Domenico pubblicando la foto dell’originale relativo al suo quadrisavolo conservato presso l’Archivio capitolare di S. Giuseppe.IMG_1774

P. S. Non capisco le ragioni del perché il documento compaia in posiszione trasversale.

I commenti sono chiusi.