L’autografo di Giovanni Pontano nell’Archivio Storico Comunale di Vasto

di Luigi Murolo

 

Le colleghe e i colleghi di discipline umanistiche che seguono il mio corso di formazione docenti sulla “didattica degli archivi” nell’archivio storico comunale di Vasto hanno avuto la sorpresa di trovare un autografo del grande umanista napoletano Giovanni Gioviano Pontano (1429-1503) nella sua funzione di gran cancelliere del Regno di Napoli sotto re Alfonso II d’Aragona.

La pergamena è datata 24 aprile 1494.

Va da sé che ho realizzato un banalissimo collage fotografico delle parti iniziali e finali del documento:

0

 

Alle corsiste e ai corsisti faccio omaggio del brano del De bello neapolitano sempre del Pontano in cui parla del Vasto Amone.

Prima però faccio una precisazione. Il Cod. Lat. 3413 della Biblioteca Nazionale di Vienna tramanda un testo autografo del De bello Neapolitano. Su questa versione è stata condotta da Pietro Summonte, allievo di Pontano, l’edizione postuma delle opere del Maestro.

Il testo che presento è quello tratto dal testo stampato da Giovanni Gravier, Napoli 1769 (lib. V, p. 129):

01

Spero di aver fatto cosa gradita.

Un modo diverso per ricordare che, dopo il 24 aprile 1494, c’è anche il 25 aprile.

I commenti sono chiusi.