A MIO PADRE, PER IL SUO GENETLIACO. VENT’ANNI DOPO

 

di Luigi Murolo

pa'.jpg
                                                                          Gaetano Murolo                                                                                                                  (Vasto, 22 febbraio 1917-13 giugno 1996)

 

Il 22 febbraio 1917, centouno anni fa, nasceva a Vasto Gaetano Murolo, mio padre. Questo suo ritratto da giovane l’ho scoperto solo dopo la sua scomparsa in un piccolo scrigno gelosamente custodito in un cassetto del suo comodino. Sul retro, una dedica che mi ha commosso fino alle lacrime. E’ un segreto che ho condiviso solo con mamma e che porterò con me fino alla tomba.

Nulla da aggiungere e nulla da levare. Solo una poesia di Alfonso Gatto che ho letto a me stesso mentre il suo corpo ancora integro veniva per sempre sottratto alla mia vista. Mi è dolce ricordarla oggi, quando anche la mia vita comincia a volgere al tramonto.

 

 

A mio padre

Se mi tornassi questa sera accanto

lungo la via dove scende l’ombra

azzurra già che sembra primavera,

per dirti quanto è buio il mondo e come

ai nostri sogni in libertà s’accenda

di speranze di poveri di cielo

io troverei un pianto da bambino

e gli occhi aperti di sorriso, neri

neri come le rondini del mare.

 

Mi basterebbe che tu fossi vivo,

un uomo vivo col tuo cuore è un sogno.

 

I commenti sono chiusi.